Dirigenti min. Interno – ripristino dell’erogazione dell’acconto di risultato

Dirigenti min. Interno – ripristino dell’erogazione dell’acconto di risultato

La CIDA del Ministero dell’Interno continua la battaglia intrapresa (come capofila di altre sigle rappresentative della dirigenza di quell’amministrazione) per il ripristino di una prassi del tutto legittima, interrotta da un’inopinata “frenata” dell’ufficio del personale di colà. I fatti in sintesi:

a. un’antica nota della ragioneria Generale dello Stato (2012) esprimeva dubbi in merito alla corresponsione di “acconti sull’indennità di risultato” da parte del Min. Interno a Prefetti e Dirigenti tecnici; l’argomento riferito fu che tali acconti venivano erogati in assenza di verifica sull’avvenuto conseguimento dei risultati programmati da parte dei beneficiari:

b. in epoca di molto successiva la Direzione del Personale ha deciso di bloccare l’erogazione di acconti riferiti ad anni precedenti a quello in corso, operando per di più tale taglio solo a valere sui cedolini dei dirigenti tecnici e NON su quelli dei Prefetti;

c. Ne è conseguita la battaglia sindacale di cui diamo conto con gli allegati qui appresso. In sintesi, il Dipartimento Funzione Pubblica ha ritenuto legittima l’erogazione dell’acconto OVE SUCCESSIVA ALLA VERIFICA DEI RISULTATI DA CIASCUNO CONSEGUITI; gli uffici del Ministero hanno cercato una “mediazione” offrendo di pagare il dovuto in tranche non più mensili ma di diversa scadenza;

d. ne risulta riaffermata la legittimità dell’acconto da parte dell’Amministrazione e, tuttavia, incomprensibilmente divaricata la modalità con la quale tale emolumento viene erogato a Dirigenti tecnici rispetto a Prefetti e Vigili del Fuoco.

Di qui le note più recenti di CIDA insieme ad altre sigle.

Di seguito i documenti di riferimento.

1 riscontro nota 2 marzo 2021 INVIATA

2 Nota dell’amministrazione del 2 marzo 2021

3 Motivazioni per mant. acconto INVIATA 16 feb

4 Sospensione acconto di risultato. 7 febbraio 2021

5 Nota a Ucb 22 febbraio 2021 inviata

Condividi questo post