Comunicato CIDAFC INPS n. 8 del 25 luglio 2023 – Produttività, Concorsi e Formazione 2023-2025 al centro della riunione dell’OPI – Indennità di prima sistemazione all’Odg del Commissario Straordinario

Comunicato CIDAFC INPS n. 8 del 25 luglio 2023 – Produttività, Concorsi e Formazione 2023-2025 al centro della riunione dell’OPI – Indennità di prima sistemazione all’Odg del Commissario Straordinario

Comunicato 8/2023

Roma, 25 luglio 2023

 

CIDA FC Sezione Inps: Produttività, Concorsi e Formazione 2023-2025 al centro della riunione dell’OPI – Indennità di prima sistemazione all’Odg del Commissario Straordinario

 

Lunedì 24 luglio scorso si è tenuta una riunione dell’Organismo paritetico per l’innovazione (OPI) di cui all’art. 6 del CCNL dell’Area Funzioni Centrali, convocata per il confronto sul Piano della formazione 2023-2025, all’ordine del giorno della prossima seduta del Commissario straordinario.

Durante tale incontro, tuttavia, abbiamo affrontato e sono stati trattati anche altri temi di una certa importanza per i nostri iscritti nelle aree della dirigenza di I e II fascia, dei professionisti del ramo legale, tecnico e statistico attuariale e dei medici.

 

Vogliamo condividere brevemente i punti chiave trattati e le nostre posizioni riguardo a ciascuno di essi.

 

Produttività anno 2022

 

In premessa del nostro intervento, abbiamo anzitutto posto all’attenzione il tema dei dati di consuntivo 2022 riguardanti gli obiettivi di performance delle diverse direzioni centrali e regionali.

Purtroppo, abbiamo evidenziato che alcune direzioni di prodotto quest’anno hanno registrato risultati inferiori rispetto agli anni precedenti, ponendo domande e sollevando dubbi riguardo alle possibili cause di tale calo, visti anche i risultati lusinghieri di tutte le direzioni di supporto.

In questo contesto, dietro nostra insistenza, abbiamo chiesto e ottenuto un incontro con la Direzione Pianificazione e controllo di gestione per discutere e comprendere meglio quali soluzioni adottare per migliorare la produttività delle aree da noi rappresentate e su come sia possibile che le tante Direzioni di supporto non abbiano risentito del calo di produzione delle Direzioni di prodotto.

L’incontro – e di questo ringraziamo l’Amministrazione – è stato immediatamente fissato per il prossimo giovedì 27 luglio 2023.

 

Indennità di Prima Sistemazione

 

Abbiamo ricevuto rassicurazioni riguardo al ripristino dell’indennità di prima sistemazione, che sarà oggetto della prossima gestione commissariale, come già annunciato dal Commissario straordinario dr.ssa Gelera durante la precedente riunione con le OO.SS., di cui abbiamo dato conto nel comunicato dello scorso 7 luglio.

Riteniamo sia di fondamentale importanza che questa indennità sia finalmente ripristinata, poiché offre un adeguato riconoscimento economico ai dirigenti, i quali sono ormai chiamati più volte durante la propria carriera lavorativa a cambiare sede di lavoro sull’intero territorio nazionale.

Abbiamo sostenuto a lungo e in tutti i tavoli sindacali questa necessità al fine di attenuare e mitigare, compensando economicamente il sacrificio personale e familiare del dirigente coinvolto, tante criticità e conflittualità generate dai continui trasferimenti.

Proprio per questo non abbiamo esitato a patrocinare negli ultimi dieci anni anche numerosi ricorsi giurisdizionali dei nostri iscritti, fornendo una qualificata, attenta e incisiva assistenza legale e ottenendo sempre vittorie in tutti i gradi, ultimamente anche a livello di Cassazione e, finalmente, sembra sia giunto il momento in cui la nostra perseveranza e tenacia verrà  premiata.

Se la delibera sull’indennità di risultato, come auspichiamo, sarà immediatamente approvata, riteniamo anche che nessun ostacolo possa frapporsi alla stipula dell’ipotesi di CCNI anno 2022 dei dirigenti nell’immediato, affinché, in attesa della procedura di certificazione del contratto, sia possibile erogare nel prossimo autunno i primi acconti relativi al saldo dell’incentivo relativo all’anno 2022.

Continueremo a vigilare su questo importante aspetto, per evitare sorprese dell’ultimo momento.

 

Piano della Formazione 2023-2025

 

Come previsto, la riunione dell’OPI è stata l’occasione per ascoltare dal direttore centrale della Formazione e Accademia INPS, dr.ssa Cristina Deidda, l’illustrazione del Piano della Formazione per il triennio 2023-2025, in allegato.

Nel nostro intervento abbiamo condiviso pienamente il piano proposto, che si presenta in continuità con quello degli anni precedenti e inserisce anche una sezione volta a valutare l’impatto della formazione, ma abbiamo posto anche particolare enfasi sull’importanza della formazione in presenza.

Riteniamo che questa modalità sia essenziale per favorire un reale scambio di esperienze e conoscenze tra i partecipanti, consentendo la trasformazione di stili dirigenziali e comportamenti manageriali attraverso il confronto diretto con colleghi e dirigenti.

 

Alta formazione

 

Inoltre, abbiamo ribadito l’importanza per le categorie da noi rappresentate dell’Alta formazione, sottolineando la necessità di distribuire equamente i corsi tra prestigiose istituzioni su tutto il territorio nazionale, quali Bocconi, Luiss, Politecnico di Milano, ma anche al Sud.

La dr.ssa Cristina Deidda ha assicurato che collaborerà con tutte queste università per garantire opportunità formative di alta qualità su tutto il territorio nazionale e che già sono in corso contatti con importanti università anche del Mezzogiorno.

Questo, nella nostra prospettiva, garantirà a tutti i dirigenti e professionisti dell’INPS, indipendentemente dalla loro posizione geografica, di accedere a percorsi formativi di alto livello, contribuendo alla valorizzazione delle competenze trasversali richieste dai colleghi.

 

In questo contesto, abbiamo esplicitamente richiesto corsi sull’utilizzo efficace dell’intelligenza artificiale nelle attività lavorative. La formazione in questo campo rappresenta, a nostro avviso, un investimento strategico per un sistema previdenziale all’avanguardia e potrà migliorare le performance dei dirigenti e dei collaboratori, ottimizzando i processi di lavoro e l’erogazione dei servizi dell’Istituto.

 

Mentorship

 

Particolare attenzione nel nostro intervento abbiamo dedicato anche alla figura del “mentor” prevista nell’ipotesi di CCNL 2019-2021 dell’area Dirigenti e Professionisti delle Funzioni Centrali, sottoscritta lo scorso maggio 2023, ora in attesa dei previsti controlli e certificazioni.

Siamo convinti che questa figura sia fondamentale per favorire l’integrazione e il supporto dei dirigenti e professionisti neoassunti nel contesto lavorativo dell’INPS.

Abbiamo sottolineato l’esigenza di avviare l’implementazione di questa figura il prima possibile in Istituto, in modo da garantire un adeguato accompagnamento ai nuovi ingressi.

Il dirigente mentor, adeguatamente incentivato per questa attività, attraverso il suo supporto e la sua esperienza, potrà facilitare l’integrazione dei neoassunti e contribuire al loro sviluppo professionale.

 

Nuovi ingressi nelle aree manageriali

 

Da parte nostra, abbiamo, inoltre, ribadito la richiesta di informazioni periodiche dall’Amministrazione sulle nuove assegnazioni di titolarità di uffici e sui nuovi incarichi attribuiti tramite il ricorso a dirigenti esterni all’Ente.

In proposito, abbiamo ribadito l’esigenza che questi ultimi incarichi siano limitati al minimo indispensabile a coprire le sedi che non possano essere rette con il ricorso agli “incarichi ad interim” e cioè per il tempo necessario per lo svolgimento delle nuove assunzioni da svolgersi esclusivamente a mezzo “concorso pubblico”.

Abbiamo conseguentemente chiesto informazioni al capo del personale, dr. Giuseppe Conte, sui nuovi concorsi per dirigenti, attese le numerose carenze sul territorio.

Siamo soddisfatti delle risposte ottenute, in quanto il dr. Conte ha confermato l’ingresso dei nuovi 49 dirigenti assegnati dall’ultimo concorso SNA, il nono corso-concorso.

Le procedure di esame SNA sono in corso, quindi è ipotizzabile l’immissione in ruolo dei nuovi dirigenti nell’autunno 2024.

 

Coerentemente con le nostre richieste avanzate in vari incontri sindacali, il dr. Conte ha, inoltre, confermato che ci sarà anche un “concorso INPS” per dirigenti amministrativi, con il budget residuo delle capacità assunzionali dell’Istituto.

Questo concorso è particolarmente importante per noi sia per la specificità delle competenze in materia previdenziale e assistenziale, di analisi e lettura dei dati, di digitalizzazione richieste in Inps, sia perché potrà prevedere, come previsto dalla legge, riserve per i funzionari interni e i dirigenti che hanno svolto con Inps attività a contratto ex art. 19 comma 5-bis e 6 del decreto legislativo 165/2001.

Inoltre, entro l’anno ci sarà un concorso INPS dedicato a 10 dirigenti informatici, mirato a valorizzare le competenze digitali all’interno dell’Istituto e al di fuori di esso.

 

Nello stesso incontro, è stato confermato l’imminente scorrimento delle graduatorie del concorso per medici di prima fascia, con l’obiettivo di procedere all’immissione in servizio degli idonei entro fine settembre.

 

Poiché, inoltre, è stata recentemente approvata dal Commissario la graduatoria del concorso per medici di II fascia (primari), ci è stata confermata l’immissione in servizio dei vincitori entro lo stesso periodo, mentre, a seguire, ad ottobre, saranno avviati gli interpelli per le UOC e UOS dell’area medica rimaste scoperte, al fine di porre definitivamente fine alle situazioni di temporaneità di incarichi che si sono protratte troppo a lungo.

 

Non mancheremo di tenervi informati degli sviluppi.

 

Lucio Paladino

Segretario nazionale

Cida FC Sezione Inps

In allegato “Piano della formazione 2023-2025

Piano della formazione 2023-2025

Condividi questo post