CIDA INPS – piano di formazione 2020-2022

CIDA INPS – piano di formazione 2020-2022

Comunicato 10-2020

Roma, 10 luglio 2020

Piano della formazione – riorganizzazione dell’area medica –monitoraggio sulla efficacia delle misure previste nell’Accordo sulla sicurezza del 3 giugno 2020

Ieri, giovedì 9 luglio, questa O.S. ha concluso una serie di incontri sindacali svolti sia al tavolo dell’Osservatorio paritetico per l’innovazione sia al tavolo nazionale per il monitoraggio relativo all’Accordo sulla sicurezza sottoscritto il 3 giugno scorso.

Diversi i temi di interesse della dirigenza e dei professionisti rappresentati da questa O.S., quali:

– il Piano della formazione 2020-2022

– il nuovo assetto organizzativo dell’Area medico legale dell’Istituto

– gli Accordi territoriali in materia di sicurezza per la cd. Fase 2.

Sul primo punto abbiamo constatato lo sforzo dell’Amministrazione per l’acquisizione, soprattutto da parte della dirigenza, di competenze digitali, come illustrato nel documento di sintesi che si allega.

Abbiamo sostenuto che si tratta di un buon documento che segna un punto di svolta che, a nostro avviso, è la logica conseguenza dell’emergenza, prima sanitaria poi economico-sociale che abbiamo e stiamo tuttora vivendo.

Inoltre, ci siamo dichiarati d’accordo con quanto sottolineato da un po’ tutti gli interventi sui temi dello sviluppo delle competenze trasversali (le cd. soft skills), della motivazione, del mix tra formazione in aula e a distanza, della realizzazione di partnership per la formazione con la Sna, le Università, le Scuole di formazione degli Ordini (per i professionisti dell’Istituto) e altre importanti istituzioni formative.

E lo stesso documento dell’Amministrazione, illustrato dal Direttore centrale Formazione e Sviluppo Risorse Umane, appare andare in questa direzione, mirando a creare valore attraverso lo sviluppo delle competenze del personale, la loro mappatura e verifica in vista di percorsi di sviluppo professionale.

 

Diverse le iniziative “in cantiere” quali corsi sulla privacy, di inglese e in materia di pari opportunità e diversity management, oltre al “disegno” d’istituire presso l’Inps una Scuola della protezione sociale.

In merito al completamento della formazione post assessment del 2016, venendo incontro alle istanze del tavolo, si procederà per circa 2/3 dei dirigenti che non hanno ancora svolto il corso nel 2017 a una revisione dei risultati dell’assessment, al fine di superare cluster o quadranti ormai datati), a investire sul portale della formazione per migliorare l’accessibilità ai corsi, al completamento dei corsi sul sistema di misurazione della performance anche a beneficio dei professionisti dell’Istituto.

Strettamente collegato al tema della formazione è lo smart working per il quale unitamente a una apposita indagine di customer satisfaction, sarà attivata una ulteriore fase formativa, mirata non tanto agli aspetti normativi quanto alle competenze per la gestione del personale in lavoro agile e la verifica dei risultati.

 

Sulla riorganizzazione dell’Area medico legale abbiamo constatato la disponibilità dell’Amministrazione a individuare una nuova UOC (Unità Operativa Complessa) presso il CML Napoli 2 Vomero.

Al riguardo, il tavolo non è ancora giunto a valutazioni conclusive ma, come evidenziato dal dott. Sapone, medico che ha integrato la delegazione di questa O.S., siamo sulla buona strada in quanto il nuovo assetto appare rispettoso, diversamente dal passato, di alcuni criteri determinanti fondamentali quali l’ampiezza territoriale dei bacini di utenza e la complessità delle strutture presidiate dai CML e di conseguenza dei diversi carichi di lavoro.

Con la nuova organizzazione, in definitiva, le Unità Operative con più intensità di cure, quindi più complesse, saranno affidate a Dirigenti Medici di II Livello.

Il documento finale dovrebbe pertanto giungere a breve.

Ci siamo inoltre associati al tavolo nel richiedere quanto prima la pubblicazione dei bandi per i medici di primo e secondo livello. Anche perché l’ultimo concorso per medici di primo livello risale al 1988 e al 2007 per quelli di secondo, e ciò in considerazione non solo delle nuove competenze attribuite ma anche dell’urgenza rappresentata dall’età avanzata del corpo medico e dalle numerose UOC mediche scoperte.

 

Più complessa e tutto sommato interlocutoria la riunione sul monitoraggio dell’efficacia dell’Accordo sulla sicurezza del 3 giugno scorso, in materia di misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro nella cosiddetta “Fase 2”.

Riguardo alle giuste rimostranze che sono seguite all’emanazione del messaggio Hermes n. 2561 del 23 giugno u.s. sulla apertura degli sportelli in presenza all’utenza, abbiamo soprattutto respinto ogni forma di strumentalizzazione volta a contrapporre, dal punto di vista sindacale, la dirigenza al personale.

Al riguardo abbiamo sottolineato che questa O.S. ha sottoscritto l’Accordo del 3 giugno che vede come destinatari i dirigenti anzitutto nella qualità di dipendenti interessati alla sicurezza dei luoghi di lavoro.

Allo stesso tempo, a nostro avviso, il rispetto dell’intesa realizza la cornice all’interno della quale è tutelata la posizione della dirigenza territoriale per le gravose responsabilità che incombono in materia di sicurezza sul datore di lavoro.

Abbiamo quindi evidenziato che il monitoraggio dell’efficacia delle misure e dello stato di attuazione degli accordi territoriali era previsto per il 30 giugno scorso.

Dal momento che la prevista riunione si è tenuta solo nel pomeriggio di ieri abbiamo chiesto il senso della riunione giunta solo dopo le iniziative unilaterali dell’Amministrazione.

A tale proposito abbiamo registrato la sostanziale unità di intenti dal punto di vista sindacale nel chiedere una correzione di rotta al piano di riapertura intrapreso nel pieno rispetto delle esigenze di sicurezza dei dipendenti e degli utenti.

Non mancheremo di tenervi informati sugli sviluppi.

Lucio Paladino

Segretario nazionale

CIDA FC Sezione Inps

Sintesi piano della formazione 2020 2022 dir prof

Condividi questo post